Cittadinanza Iure Sanguinis

Home » Cittadinanza Iure Sanguinis

CITTADINANZA IURE SANGUINIS PER LINEA MATERNA

Lo Studio ha seguito molti casi volti al riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis per linea materna, soprattutto nell’interesse di cittadini argentini e brasiliani.

I nostri professionisti specializzati sono il Dr. Guillermo Stucchi Carlomagno e l’Avv. Michele Della Bella.

Sul punto, la Corte Costituzionale, con la sentenza n. 30 del 9 febbraio 1983, ha dichiarato incostituzionale l’art. 1 della L. n. 555/1912, nella parte in cui non prevedeva che fosse cittadino italiano per nascita il figlio di madre cittadina, in violazione degli artt. 3 e 29 della Costituzione.

In seguito all’intervento appena citato della Corte Costituzionale, l’equiparazione tra uomo e donna in materia di cittadinanza è stato affermato a livello normativo prima con la Legge n. 123 del 21 aprile 1983, art. 5 (“E’ cittadino italiano il figlio minorenne, anche adottivo, di padre cittadino o madre cittadina”), poi dall’art. 1, lettera a) della Legge n. 91 del 1992, il quale chiarisce che “è cittadino italiano per nascita il figlio di padre o di madre cittadini”.

Pertanto, possono richiedere il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis anche i discendenti di madre italiana, purché nati dopo il 1° gennaio 1948, data di entrata in vigore della Costituzione, e a condizione che questa fosse in possesso dello status civitatis al momento della nascita dei figli.

Questo è l’orientamento seguito dal Ministero dell’Interno, ma la Corte di Cassazione, con una sentenza a Sezioni Unite del 2009, ha riconosciuto il diritto ad ottenere la cittadinanza italiana in sede giudiziale anche per i discendenti per via materna nati prima del 1948.
La Circolare del Ministero dell’Interno K.28.1 dell’8 aprile 1991 illustra il procedimento per ottenere la cittadinanza iure sanguinis, i requisiti, i documenti e le modalità di presentazione dell’istanza.

Show Comments